Addominoplastica – correzione dell’eccesso di cute e grasso dall’addome

L’addominoplastica è una procedura chirurgica che rimuove la pelle rilassata in eccesso, il tessuto sottocutaneo e grasso dell’addome e restringe la muscolatura della parete addominale.

Un addome rilassato o pendulo di solito si verifica dopo una perdita di peso significativa e spesso improvvisa o nelle donne dopo gravidanze multiple.

Anche qui il fattore genetico svolge un ruolo importante: il tipo e la qualità della pelle o del tessuto connettivo.

La pelle in eccesso e il tessuto adiposo in quest’area di solito presentano un grande carico estetico ma anche psicologico.

Può anche portare a significativi problemi di salute a causa di difetti della pelle dovuti a pressione, attrito e sudorazione.

Lo scopo dell’intervento chirurgico è ridurre il tessuto adiposo dell’addome e formare un aspetto esteticamente accettabile e una parete addominale più piatta e tesa.

DESCRIZIONE DELL’OPERAZIONE

Esistono diversi tipi di addominoplastica: dalla rimozione di cute e tessuto adiposo meno sospesi a interventi chirurgici importanti quando fissata l’intera parete addominale.

Le smagliature possono essere rimosse se limitate all’area della resezione ed eliminate insieme alla pelle in eccesso.

Alcune volte è anche necessario regolare la posizione dell’ombelico. Il corsetto viene indossato per circa 1-1,5 mesi.

CANDIDATI

Ad eccezione delle donne dopo gravidanze multiple con elevato aumento di peso, questo problema si verifica anche nelle persone di entrambi i sessi dopo una significativa perdita di peso.

Non può essere corretto con l’esercizio o con la dieta, nonché con varie creme e trattamenti cosmetici e neanche con la liposuzione.

Dopo l’esame e il colloquio con il chirurgo e l’anestesista, la decisione viene presa insieme sulla procedura.

È molto importante creare fiducia tra il medico e il paziente e chiarire quali sono le aspettative e quali sono i possibili risultati della procedura.

PREPARAZIONE

Come per tutte le procedure generali di anestesia, devono essere eseguiti esami di laboratorio e un elettrocardiogramma e devono essere fornite tutte le precedenti cartelle cliniche.

Un mese prima della procedura, si consiglia di smettere di fumare per non avere un effetto negativo sulla microcircolazione; una settimana prima per interrompere il consumo di preparati di acido acetilsalicilico (Aspirina, Ando, Acisal …) e altri medicinali e preparati che influenzano la coagulazione del sangue per prevenire forti sanguinamenti.

DURANTE L’OPERAZIONE

La procedura viene eseguita in anestesia generale e dura circa da 1 a 2 ore. L’incisione è orizzontale, situata nell’addome inferiore contro le ossa pelviche.

La lunghezza dipende dal grado di rilassamento e dall’estensione del tessuto da rimuovere.

Di solito ha un contorno del costume da bagno, è nascosto in basso quindi non è visibile al di fuori delle mutandine.

A volte è anche necessario praticare un’incisione aggiuntiva sull’ombelico e intorno all’ombelico per una mobilizzazione più completa della pelle e del tessuto sottocutaneo.

I muscoli addominali si contraggono e si contraggono. Il tessuto in eccesso viene stretto e rimosso. L’ombelico viene spostato o ne viene formato uno nuovo, simile a uno esistente.

In alcuni casi gli scarichi vengono installati nei prossimi due giorni; tuttavia, la maggior parte non è richiesta.

Dopo l’intervento chirurgico, il corsetto viene immediatamente tirato. Il paziente nelle prossime ore viene sistemato in un appartamento per osservazione, analgesia e controllo del sanguinamento.

Se necessario, rimane tutta la notte. Le ginocchia dovrebbero essere leggermente piegate – per ridurre la tensione dell’addome, cioè l’incisione.

Il corsetto viene indossato 6 – 8 settimane dopo la procedura.

RECUPERO

24 ore dopo l’intervento: il paziente occasionalmente deve alzarsi dal letto, fare una breve passeggiata per stimolare la circolazione. Montanti e sforzi improvvisi dovrebbero essere evitati.

7 giorni dopo l’intervento, di solito viene effettuato il primo controllo. Si consiglia di continuare a evitare lo sforzo, l’attività fisica e sessuale.

I punti vengono rimossi 10-14 giorni dopo l’intervento chirurgico e il paziente è in grado di tornare gradualmente alle proprie attività private e professionali.

Il gonfiore si riduce e gli ematomi scompaiono in poche settimane.

Tra qualche mese, si vedranno i risultati finali dell’addominoplastica.

Alcune parti dell’addome saranno insensibili ai sensi – a causa dei rami cutanei dei nervi cutanei – e ci vorranno diversi mesi per tornare la sensibilità. Inizialmente, l’incisione sarà rossa o rosa.

Tale colore persisterà per diversi mesi dopo l’intervento chirurgico, ma alla fine svanirà.

PRECAUZIONI

Nei primi giorni dopo l’intervento chirurgico, si prevede gonfiore del tessuto.

Entro le prime 24-48 ore, devono essere posizionati impacchi freddi, evitare il fumo e lo sforzo fisico.

Per la prima settimana, la parte trattata del corpo sarà dolorante e tesa e gonfia che può essere alleviato da impacchi freddi e indossando il corsetto.

COMPLICAZIONI

Le complicanze dopo l’addominoplastica sono rare e possono apparire sia subito che in ritardo.

Le complicanze precoci più comuni sono ematomi, infezione e necrosi intorno all’incisione, più comunemente nei fumatori e nei diabetici.

Di complicazioni tardive è la comparsa di una cicatrice ipertrofica.

PACCHETTO

Il pacchetto include: chirurgia in anestesia generale, sorveglianza postoperatoria, farmaci necessari, controlli e bende nei primi giorni postoperatori, rimozione dei punti e controlli necessari entro un anno.

Il pacchetto non include: risultati preoperatori per l’anestesia generale (analisi del sangue elettrocardiogramma, gruppo sanguigno, spirometria o RTG), consultazioni con altri medici e specialisti.

Consultare un chirurgo

Approccio individuale a ciascun paziente.

Completa il questionario